Smalto semipermanente: come scegliere il prodotto migliore

Lo smalto semipermanente è un’alternativa molto apprezzata da chi ama la nail art o ha semplicemente intenzione di sfoggiare delle mani curate nel tempo libero e sul lavoro.

Le mani, sempre in vista durante tutta la giornata, sono un biglietto da visita di grande importanza nei rapporti interpersonali e lo smalto semipermanente un’opzione da prendere in considerazione per migliorarle.

La scelta dello smalto non può essere assolutamente trascurata, sia per quanto riguarda le marche, sia per quel che concerne gli strumenti tecnici da utilizzare al momento dell’applicazione.

Semipermanente: ecco perché sceglierlo

Perché scegliere lo smalto semipermanente? Per il semplice fatto che con lo smalto tradizionale è molto facile che la manicure si rovini dopo poco tempo. Tra lavoro, impegni familiari e stress ambientale al quale sono sottoposte continuamente le mani è difficile mantenere una manicure impeccabile per più di qualche giorno, evitando graffi e poco estetiche sbeccature sulla superficie dell’unghia.

Lo smalto semipermanente è una soluzione utile per dimenticare questo problema e per avere la sicurezza di una tenuta di colore perfetta fino a 3 settimane (la durata dipende in ogni caso dalla marca).

Un altro vantaggio del quale tenere conto è la facilità di applicazione: grazie ai numerosi kit in vendita è possibile applicare lo smalto semipermanente anche a casa, senza bisogno di rivolgersi a un centro estetico.

Smalto: la preparazione per il semipermanente

Prima di applicare lo smalto semipermanente è necessario porre attenzione alla preparazione dell’unghia. Ecco i passi da compiere:

  • Rimozione delle cuticole con un bastoncino in legno d’arancio.
  • Passaggio del buffer, una limetta gessata che sgrassa la superficie dell’unghia e che garantisce allo smalto colorato una maggior aderenza.

Una volta completata la preparazione si può procedere con l’applicazione di base, colore e top coat.

Smalto semipermanente: ecco come applicarlo

L’applicazione dello smalto semipermanente è molto semplice e consta di 4 passaggi.

Si inizia applicando la base, che deve essere polimerizzata qualche decina di secondi sotto la lampada UV (il tempo specifico varia in base alla marca), e si prosegue con una passata di colore.

Dopo aver asciugato il colore sotto la lampada arriva il momento dell’utilizzo del top coat, che viene applicato per proteggere l’unghia e per sigillare lo smalto. Anche il top coat deve essere polimerizzato sotto il fornetto UV.

Smalto semipermanente: qualche indicazione

Applicare lo smalto semipermanente significa sfoggiare per diverse settimane delle unghie curate. Prima di optare per questa alternativa è però fondamentale tenere conto di alcune indicazioni, che riguardano soprattutto l’importanza di nutrire l’unghia, onde evitare che si indebolisca troppo.

Come si può procedere? Utilizzando solventi naturali oppure scegliendo impacchi a base d’ingredienti come olio e limone, molto validi per rinforzare le cuticole e il tessuto delle unghie e per fare sì che l’applicazione dello smalto semipermanente non risulti a lungo andare dannosa.

Recensioni e Guide Ricostruzione Unghie

Come funziona lo smalto semipermanente: ecco tutti i passaggi Come funziona lo smalto semipermanente? Ecco nel dettaglio quali sono i passaggi da seguire per avere delle mani al top e soprattutto delle unghie curate. Smalto semipermanente: la prima fase Quando si tratta di scoprire come funziona lo smalto semipermanente è necessario ragionare per fasi. La prima e più semplice consiste nell'esecuzione di una classica manicure, che si può effettuare a casa...
Smalto Semipermanente Opinioni: pro e contro dello smalto che garantisce una manicure perfetta Lo smalto semipermanente è una valida soluzione per avere mani sempre in ordine e curate. Ma per chi è più indicato? E quali sono i rischi? Cerchiamo di rispondere a queste domande. Smalto Semipermanente: per chi è più indicato? Sempre più donne, anche ragazze giovanissime, decidono di ricorrere allo smalto semipermanente, così da non dover pensare a ritoccare lo smalto e limare le unghie un gio...
Solvente per smalto semipermanente: come usarlo? Guida Che solvente usare per smalto semipermanente Nel mercato dedicato alle unghie si può trovare una vasta offerta di solvente per smalto semipermanente. I prodotti si differenziano principalmente per la presenza o l’assenza di acetone. Sebbene vi siano anche alternative all’acetone, possiamo dire che è piuttosto difficile trovare un solvente per unghie senza acetone che sia efficace e soprattutto...
Smalto semipermanente quanto costa dall’estetista La salute delle mani riflette l’immagine della stessa persona, ecco perché delle mani curate risultano essere un importante biglietto da visita per tutte le donne che vogliono apparire perfette e curate agli occhi di chi le guarda. Lo smalto è uno dei cosmetici più ricercati dalle donne, diverse sono le tendenze e differenti sono i look che possono acquisire semplicemente con la scelta di un co...
Combattere l’onicofagia grazie alla ricostruzione unghie Moltissime sono le persone affette da onicofagia, ovvero l'abitudine di rosicchiarsi le unghie in momenti di stress, di concentrazione oppure di noia. Questo disturbo risulta essere molto diffuso non solo negli adulti, ma soprattutto per gli adolescenti (sia ragazzi che ragazze), che spesso non si rendono conto di quanto possa essere pericoloso mordicchiarsi le unghie, atteggiamento che potrebbe p...
Come togliere lo smalto semipermanente a casa? Nonostante ormai lo smalto semipermanente sia utilizzato da moltissime donne, felici di non dover più nascondere le unghie di mani e piedi, c'è ancora la convinzione che a lungo andare sia dannoso. In realtà questo è un mito da sfatare poiché utilizzandolo nel modo corretto non si corre alcun pericolo. Non solo, anche capire come rimuovere lo smalto semipermanente è fondamentale per non rovinar...